Un tributo a Renato Vacca, grande vignaiolo di Barbaresco

ll 14 marzo, Barbaresco ha perso uno dei suoi viticoltori più appassionati, Renato Vacca. Titolare della cantina Cantina del Pino, Vacca è stato uno dei produttori più rispettati e apprezzati della denominazione. Aveva 51 anni.

Renato Vacca produceva vini straordinari che trasmettevano le loro uniche zone di coltivazione. L’ho visitato più volte mentre scrivevo il mio libro Barolo and Barbaresco, e dopo averlo seguito nei suoi vigneti, ho imparato molto sulla coltivazione del Nebbiolo e sulle sotto-zone del Barbaresco. Gliene sarò sempre grata.

© Paolo Tenti | Renato Vacca nella sua Cantina del Pino

Diplomato alla Scuola Enologica di Alba, Vacca ha lavorato per cinque anni nelle cantine della famosa cantina cooperativa di Barbaresco, I Produttori del Barbaresco, prima di rilevare l’azienda di famiglia nel 1997. Acquisita dal suo bisnonno, la piccola tenuta era un tempo di proprietà di Domizio Cavazza , che è considerato il padre di Barbaresco e che è stato il primo direttore della Scuola.

Prendendo il nome dal pino di Cavazza piantato dopo la nascita di suo figlio, la Cantina del Pino si trova sulla famosa collina di Ovello, una delle più grandi aree vinicole della denominazione. Renato proveniva da generazioni di viticoltori e suo padre e suo zio erano tra i membri fondatori di I Produttori. Dopo essere entrato in azienda nel 1997, la Cantina del Pino ha imbottigliato i suoi primi vini.

Uno dei veri sostenitori della produzione di vini guidati dal terroir con carattere e personalità, Renato Vacca ha sempre creduto nel guidare i suoi vini, senza mai forzarli. Nei vigneti, che includono vecchie viti piantate da suo nonno, si è occupato con cura delle sue piante, evitando sostanze chimiche aggressive e fertilizzanti chimici. In cantina era uno scrupoloso non interventista. Credeva anche che il Nebbiolo non dovesse essere completamente diraspato, ma lasciava un 10-15% di raspi perfettamente maturi nel processo di fermentazione-macerazione per impartire nobili tannini che conferivano ai suoi vini un’altra dimensione.

© Paolo Tenti | Renato Vacca e Kerin O’Keefe

Uno dei viticultori più esperti di Barbaresco, Vacca aveva una profonda conoscenza delle migliori aree vinicole della denominazione e negli anni ha acquisito proprietà a Neive. Mentre Ovello è noto per la sua eleganza e fragranza, l’Albesani di Nieve è più strutturato con frutti più ricchi. Solo pochi anni fa, Vacca ha anche iniziato a realizzare anche un Gallina Barbaresco che combina magnificamente precisione, corpo e finezza.

Nonostante il suo successo, Renato Vacca è sempre stato modesto e rispettoso, con dei tratti da vero gentleman. Mancherà enormemente a tutti quelli che lo conoscevano e a tutti coloro che amavano i suoi fantastici vini.

A tribute to Barbaresco grower-producer Renato Vacca

On March 14, Barbaresco lost one of its most passionate winemakers, Renato Vacca. Owner of the boutique winery Cantina del Pino, Vacca was one of the denomination’s most respected and liked producers. He was 51.

Renato Vacca made stunning wines that conveyed their unique growing zones. I visited him several times while writing my book Barolo and Barbaresco, and after following him around his vineyards, I learned a great deal about Nebbiolo cultivation and Barbaresco’s greatest growing areas. I will always be grateful.

© Paolo Tenti | Renato Vacca and Kerin O’Keefe

A graduate of Alba’s Scuola Enologica, Vacca worked for five years in the cellars of Barbaresco’s famed cooperative cellar, I Produttori del Barbaresco before taking over his family’s firm in 1997. Acquired by his great-grandfather, the small estate was once owned by Domizio Cavazza, who is hailed as the Father of Barbaresco and who was the first director of Alba’s Royal Enological School.

Named after the pine tree Cavazza planted after the birth of his son, Cantina del Pino is located on the famed Ovello hillside, one of the greatest vineyard areas in the denomination. Renato hailed from generations of grape growers, and his father and uncle were among the founding members of I Produttori. After he joined the firm in 1997, Cantina del Pino bottled its first wines.

One of the true believers in making terroir-driven wines with character and personality, Renato Vacca believed in guiding his wines, never forcing them. In the vineyards, which include old vines planted by his grand-father, he carefully tended to his vines, shunning harsh chemicals and chemical fertilizers. In the cellars, he was a scrupulous non-interventionist. He also believed that Nebbiolo should not be entirely destemmed, but allowed 10-15% of perfectly ripe stems in the fermentation-maceration process to impart noble tannins that gave his wines another dimension.

© Paolo Tenti | Renato Vacca at his Cantina del Pino estate

One of the most experienced growers in Barbaresco, Vacca had a profound knowledge of the denomination’s best vineyard areas, and over the years he acquired property in Neive. While Ovello is known for its elegance and fragrance, Vacca’s Albesani from Neive is more structured with richer fruit. Just a few years ago, Vacca also began making a Gallina Barbaresco that beautifully combines precision, body and finesse.

Despite his success, Renato Vacca was always modest and respectful, and as the Italians say, gentile. He will be missed by all knew him and by all who enjoyed his breathtaking wines.

Italian wine reviews (tasted through January 2020)

Italian Editor Kerin O’Keefe reviews Italian wines for Wine Enthusiast since May 2013. Below you will find a recap of the reviews of the month with the score given by Kerin to each wine. You can find all the complete reviews in winemag.com

Qui di seguito trovate in anteprima i punteggi delle recensioni di Kerin.
Le recensioni complete poi saranno facilmente visionabili inserendo il nome del produttore o del vino su winemag.com

Check out my latest reviews: (138 wines) Brunello di Montalcino and more

blind tasting Kerin O'Keefe

Brunello di Montalcino 2015: il buono, il brutto e il cattivo (e il grande)

Se sei un appassionato di vino italiano, avrai probabilmente sentito il brusio che circonda la vendemmia 2015 del Brunello di Montalcino, appena uscita, con alcuni che si sbilanciano ad affermare che è una delle migliori annate di sempre. Dopo la piovosa annata 2014, non sorprende che un certo numero di produttori di vino locali abbiano propagandato la grandezza del 2015 ben prima della sua uscita ufficiale del 2020.

Reality Check

Con poche eccezioni, le annate non sono quasi mai uguali a Montalcino. Le variazioni tra altitudini, suoli e microclimi, nonché l’esperienza e gli stili dei produttori, rendono tale acclamazione radicale quasi impossibile da applicare al Brunello. Ma in tutti i miei anni di degustazione del Brunello, non ho mai visto un’annata con una performance così irregolare come il 2015.

In questa annata complessivamente calda e asciutta, ci sono alcuni splendidi Brunello 2015. Ma ci sono anche un numero senza precedenti di vini ad alta gradazione alcolica con il 15%, e anche il 15,5% (e forse anche di più, considerando la tolleranza dello 0,5% consentita dalla normativa), che mancano di freschezza ed equilibrio. E tra questi due estremi, ci sono anche alcuni vini magri con alcool contenuto, ma frutti acerbi.

Ecco la mia analisi del Brunello 2015 – il buono, il brutto e il cattivo – per aiutarti a dare un senso a questa annata da “acquirente attento”.

© Paolo Tenti | Fortezza di Montalcino

Il buono
La buona notizia è che ci sono alcuni stupendi Brunelli 2015, come Madonna delle Grazie di Il Marroneto, che ha guadagnato uno dei miei rari 100 punti. Carico di finezza, è vibrante, impeccabilmente equilibrato e uno dei pochi della vendemmia con un serio potenziale di invecchiamento.

Degli oltre 200 vini recensiti, con degustazioni alla cieca, ben 18 vini hanno ottenuto un punteggio pari o superiore a 95 punti – l’eccellenza assoluta. Molti dei miei migliori vini provengono da vigneti d’alta quota che generalmente offrono prestazioni migliori nelle annate calde e asciutte. La maggior parte proviene da produttori di spicco della denominazione che hanno anni, se non generazioni, di esperienza enologica.

Mentre le aree classiche appena a sud e a nord della città di Montalcino sono andate complessivamente bene, questa annata dipendeva maggiormente da ciò che i produttori facevano, o non facevano, nei vigneti invece di specifiche sottozone. Anche alcune delle aree più rinomate della denominazione hanno avuto risultati contrastanti.

Il cattivo

L’anno è iniziato con un inverno secco che ha portato ad una primavera piuttosto secca, con temperature che sono aumentate a giugno.

Luglio è stato eccezionalmente caldo, poiché le temperature hanno superato i 40° a metà mese e hanno portato a condizioni di siccità. Anche agosto ha avuto poche precipitazioni. La pioggia è caduta la prima settimana di settembre ed ha raffreddato le vigne, ma le temperature sono aumentate di nuovo a metà mese.

Il momento in cui si effettua la vendemmia è sempre un fattore molto importante. Con un vitigno volubile come il sangiovese, quando raccogliere è sempre importante, ma negli anni caldi e asciutti diventa fondamentale.

“Il 2015 non è stato caldo come il 2003 o il 2011, ma era pur sempre caldo e secco, con luce solare intensa e costante durante la stagione di crescita. Scegliere la maturazione ideale è stato fondamentale perché aspettare anche solo tre o quattro giorni in più espone al rischio di avere uva troppo matura ”, afferma Lorenzo Magnelli, comproprietario/enologo della azienda di famiglia Le Chiuse. “Quando l’uva è troppo matura, si perde l’eleganza, la precisione e la freschezza caratteristiche essenziale di un Brunello eccellente.”

Magnelli, tra i primi a raccogliere nella sua zona a nord di Montalcino, ha ottenuto un grande risultato nel 2015.

Il brutto

Sebbene alcuni produttori stiano comprensibilmente promuovendo l’annata 2015, l’opposto polare del freddo e umido 2014, non è a mio parere una delle migliori annate di tutti i tempi per il Brunello. Il numero, seppur relativamente limitato, di vini squilibrati con alcool elevato e frutta cotta mostra come il Sangiovese soffra in annate calde e secche, condizioni che sono diventate la nuova normalità. E questa non è una questione di preferenze personali. La maggior parte di questi vini ad alto numero di ottani non ha la frutta e l’acidità fresca necessari per controbilanciare tali caratteristiche rendendoli squilibrati. Tutto questo li rende vini difficili, con un potenziale di invecchiamento limitato.

Se la raccolta quando l’uva era troppo matura portava a vini muscolosi e monodimensionali, i produttori che raccoglievano troppo presto finivano con vini magri e con sensazioni di frutta acerba.

“Il Sangiovese ha difficoltà a difendersi negli anni caldi”, afferma l’enologo Paolo Salvi. “Girare il terreno per mantenere il terreno umido è fondamentale, oltre ad un’attenta gestione della chioma non defogliando troppo per evitare di esporre l’uva al sole”.

Salvi, che ha assaggiato per anni con il maestro del Sangiovese Giulio Gambelli, collabora con varie tenute toscane come Le Potazzine a Montalcino.

“Di recente ho provato un centinaio di Brunelli 2015 e, nonostante il caldo, nel complesso l’anno è stato migliore di quanto mi aspettassi, grazie all’impegno dei produttori”, afferma. “Quindi, mentre è finito per essere una buona annata, non è da impazzire.”

Per fortuna, nonostante le sfide, un buon numero di produttori hanno azzeccato tutte le mosse ed hanno realizzato Brunelli 2015 eccezionali con frutta succosa, freschezza ed equilibrio. Mentre alcuni mostrano un buon potenziale di invecchiamento, la maggior parte dei migliori vini avrà bisogno solo di qualche anno per arrivare al momento ideale per essere goduti, ma dovrebbero mantenersi bene per ulteriori 8-10 anni.

Olmo vineyard at Gianni Brunelli winery
Olmo vineyard at Gianni Brunelli winery

Il grande

L’annata 2016 (in uscita nel 2021) promette di essere un anno davvero eccezionale a Montalcino grazie alle condizioni di crescita quasi perfette per il Sangiovese. Molte degustazioni di vini in botte del 2016 che ho effettuato sono state spettacolari, con ottimo potenziale per vini fragranti, strutturati e focalizzati che vantano finezza e seria longevità.

I miei migliori Brunello di Montalcino 2015

Il Marroneto Madonna delle Grazie, 100 punti. Cellar Selection.

Ciacci Piccolomini d’Aragona Pianrosso , 98 punti. Cellar Selection.

Conti Costanti, 98 punti.

Fuligni, 98 punti. Editors’ Choice.

Le Chiuse, 98 punti.

Le Potazzine, 97 punti.

Armilla, 96 punti. Editors’ Choice.

Castelgiocondo, 96 punti. Editors’ Choice.

Le Ragnaie Casanovina Montosoli, 96 punti. Cellar Selection.

Talenti, 96 punti. Editors’ Choice.

Questo articolo traduce quanto apparso su Wine Enthusiast: Buyer Beware: Everything You Need to Know About the 2015 Brunello Vintage.

Le recensioni complete appariranno a breve sul sito winemag.com, è possibile ricercarle con facilità inserendo il nome del produttore. Se ritornate qui tra breve troverete il link all’elenco completo.

Qui trovate le mie recensioni di annate precedenti ed i relativi articoli sulla valutazione dell’annata:

recensioni di Kerin O’Keefe: Brunello di Montalcino 2014

valutazione dell’annata 2014

recensioni di Kerin O’Keefe: Brunello di Montalcino 2013

valutazione dell’annata 2013

recensioni di Kerin O’Keefe: Brunello di Montalcino 2012

valutazione dell’annata 2012

recesnioni di Kerin O’Keefe: Brunello di Montalcino 2011

valutazione dell’annata 2011

recensioni di Kerin O’Keefe: Brunello di Montalcino 2010

valutazione dell’annata 2010

 

 

 

 

Italian wine reviews (tasted through December 2019)

Italian Editor Kerin O’Keefe reviews Italian wines for Wine Enthusiast since May 2013. Below you will find a recap of the reviews of the month with the score given by Kerin to each wine. You can find all the complete reviews in winemag.com

Qui di seguito trovate in anteprima i punteggi delle recensioni di Kerin.
Le recensioni complete poi saranno facilmente visionabili inserendo il nome del produttore o del vino su winemag.com

Check out my latest reviews: (319 wines) Vino Nobile di Montepulciano, Bolgheri, Toscana IGT, Valpolicella, Rosso di Montalcino and more

blind tasting Kerin O'Keefe

Barolo 2016: A Modern Day Classic

Living just an hour drive from Piedmont, I spend a lot of time in the region, and travel there for days at a time at least nine or ten times a year. In the fall of 2019, I spent several days in Barolo dedicated to informally previewing a number of the already bottled 2016s that will be released later this year.

© Paolo Tenti | Maria Teresa Mascarello with Kerin O’Keefe in 2019

To say I was extremely impressed by the quality of the wines would be an understatement: these are some of the most magnificent young Barolos I’ve ever tried. But I was expecting nothing short of greatness based on the fantastic Barbaresco 2016s I reviewed earlier in 2019. Although it isn’t always the case that vintages will have the same results in Barolo and Barbaresco (as 2014 demonstrated), 2016 presented near perfect conditions for Nebbiolo in both denominations. It’s hands-down the greatest vintage I’ve ever tried so far in Barbaresco as my scores reflect: Out of 138 wines reviewed, I gave 99 of them 90 points and above, 38 of which received 95 points and higher:

Kerin O’Keefe Barbaresco 2016 reviews.

A classic, Old School vintage, 2016 had a cool, wet spring that delayed the vegetative cycle but thanks to the development stage the plants had already achieved, vines were spared damage by fungal diseases. The delay in the growing cycle continued throughout the summer as did cooler temperatures. 2016 had ample water reserves and no extreme heat spikes, a rarity in the area which has definitely been feeling the effects of climate change over the last two decades with overall hotter, drier summers that can negatively impact sensitive Nebbiolo. The summer extended well into September and Nebbiolo enjoyed ideal conditions that month and the first half of October that led to healthy grapes.

2016 was one of the longest and latest harvests in recent years.

© Kerin O’Keefe | Marta Rinaldi in 2019

“We started harvesting Nebbiolo on October 13,” Marta Rinaldi told me during my visit. Bottled at the end of August, by late September her Barolos were already showing beautifully. “2016 was a year for Nebbiolo,” confirmed Maria Teresa Mascarello, whose ‘16 is drop-dead gorgeous. “2016 is a happy combination of 2006 and 2008: it boasts the structure of ‘06 and the elegance of ‘08,” stated Enzo Brezza, whose perfumed 2016s are radiant, with captivating tension.

© Kerin O’Keefe | Enzo Brezza in 2019

The luminous 2016 Barolos are fresh, fragrant and loaded with finesse. They feature bright red berry fruit beautifully balanced by vibrant acidity and refined tannins. While site expression is often muffled in hot vintages, the different expressions of the various townships and vineyard areas come singing through on the 2016s.

The best 2016s are already dazzling, with remarkable depth and energy. They’ll be ready at the 10-15 year mark but they also possess incredibly age-worthy structures as well.

Stay tuned for my formal reviews based on blind tastings later this year. For the current vintage on the market check out my Barolo 2015 vintage report and my 308 reviews.

 

 

Barolo 2016: un moderno Classico

Vivendo a solo un’ora di auto dal Piemonte, passo molto tempo nella regione e viaggio lì per giorni alla volta almeno nove o dieci volte l’anno. Nell’autunno del 2019, ho trascorso diversi giorni a Barolo dedicandomi all’anteprima informale di alcuni dei 2016 già imbottigliati che verranno rilasciati nel 2020.

© Paolo Tenti | Maria Teresa Mascarello with Kerin O’Keefe in 2019

Dire che sono rimasta estremamente colpita dalla qualità dei vini sarebbe un eufemismo: questi sono alcuni dei migliori Barolo giovani che io abbia mai provato. Ma mi aspettavo un’annata a dir poco eccezionale sulla base dei fantastici Barbaresco 2016 che ho recensito all’inizio del 2019. Anche se non sempre le annate hanno gli stessi risultati in Barolo e Barbaresco (come dimostrato dal 2014), il 2016 si è presentato in pressoché perfette condizioni per il Nebbiolo in entrambe le denominazioni. È senza dubbio la più grande annata che abbia mai provato finora a Barbaresco, come riflesso nei miei punteggi: su 138 vini recensiti, ho assegnato 99 di questi 90 punti e oltre, 38 dei quali hanno ricevuto 95 punti e più:

Recensioni di Kerin O’Keefe dei Barbaresco 2016.

Un’annata classica – “Vecchia Scuola” – il 2016 ha avuto una primavera fresca ed umida che ha ritardato il ciclo vegetativo ma grazie allo stadio di sviluppo che le piante avevano già raggiunto, alle viti sono stati risparmiati danni da malattie fungine. Il ritardo nel ciclo di crescita è continuato per tutta l’estate così come le temperature più fredde. Il 2016 ha avuto ampie riserve idriche e nessun picco di calore estremo, una rarità nell’area che ha sicuramente risentito degli effetti dei cambiamenti climatici negli ultimi due decenni con estati complessivamente più calde e asciutte che possono avere un impatto negativo sul Nebbiolo, vitigno particolarmente sensibile. L’estate si è prolungata fino a settembre e il Nebbiolo ha goduto delle condizioni ideali quel mese e la prima metà di ottobre che hanno portato a uve sane.

Il 2016 è stato uno dei raccolti più lunghi e più ritardati nei tempi recenti.

© Kerin O’Keefe | Marta Rinaldi nel 2019

“Abbiamo iniziato a raccogliere il Nebbiolo il 13 ottobre”, mi ha detto Marta Rinaldi durante la mia visita. Imbottigliati alla fine di agosto, a fine settembre i suoi Barolo stavano già mostrandosi meravigliosamente. “Il 2016 è stato un anno per il Nebbiolo”, ha confermato Maria Teresa Mascarello, il cui ’16 è magnifico. “Il 2016 è un felice connubio tra il 2006 e il 2008: vanta la struttura del ’06 e l’eleganza del ’08”, ha affermato Enzo Brezza, i cui profumati 2016 sono radiosi, con una tensione accattivante.

© Kerin O’Keefe | Enzo Brezza nel 2019

Molti tra i Barolo 2016 che ho assaggiato sono luminosi, freschi, fragranti e carichi di finezza. Sono caratterizzati da sentori di frutti a bacca rossa magnificamente bilanciati da acidità vibrante e tannini raffinati. Mentre l’espressione del terroir del sito è spesso ovattata nelle annate calde, le diverse espressioni dei vari comuni e vigne vengono raccontate in modo splendido nei Barolo 2016.

I migliori 2016 sono già piacevolissimi ora, con notevole profondità ed energia. Saranno pronti tra 10-15 anni, ma possiedono anche strutture che li renderanno molto longevi.

Le mie recensioni formali basate su degustazioni alla cieca usciranno nella prima parte dell’anno.  Per l’annata corrente ancora sul mercato qui trovate il mio Barolo 2015 vintage report e le mie 308 recensioni.

 

 

Il momento migliore per bere quel Barolo? Forse proprio adesso!

Uno dei più grandi equivoci sul Barolo è che bisogna aspettare decenni prima che i vini siano pronti da bere.

Sebbene una volta questo consiglio poteva essere vero, non si applica più ai Barolo dei nostri giorni. In sostanza, quelli realizzati a partire dal 2000 circa possono essere apprezzati molto prima, anche dopo otto o dieci anni. Per alcune delle annate più calde, aspettare troppo a lungo potrebbe anche portare ad alcune amare sorprese.

La parte migliore di tutto ciò è che nonostante siano disponibili prima, le migliori annate offrono ancora un grande potenziale di invecchiamento.

© Paolo Tenti | Barolo Cantina Mascarello Cannubi 1964

Allora, cosa è cambiato? Molte cose.

Fino agli anni ’80, la maggior parte del Barolo era prodotta da grandi aziende che si affidavano a una vasta rete di viticoltori. Molti di questi agricoltori erano più interessati alla quantità che alla qualità. Con altre colture che potevano gestire, i coltivatori raccoglievano quando era conveniente, piuttosto che quando l’uva aveva raggiunto la maturità ideale.

Anche la tecnologia della cantina era piuttosto basilare e i tempi di macerazione post-fermentazione potevano allungarsi per mesi.

Il clima è stato un altro fattore importante. Le stagioni di crescita più fresche e umide hanno significato che per ogni decennio c’erano solo due o tre annate buone o grandi. Ciò ha portato in gran parte a Baroli che erano aggressivamente tannici nella loro giovinezza, con dorsali acide che hanno bisogno di anni per integrarsi.

I Barolo moderni sono più completi e accessibili in giovane età che mai.

Oggi, la maggior parte dei coltivatori sono diventati da tempo produttori di Barolo a sé stanti, focalizzati sulla qualità costante. Grandi miglioramenti nell’attrezzatura per la vinificazione e la cantina, che includono fermentazioni a temperatura controllata, presse delicate e legno di quercia per le botti di migliore qualità, sono stati fondamentali.

Ma i cambiamenti più importanti sono avvenuti nei vigneti. La resa ridotta, la riduzione del rame e l’abbandono di prodotti chimici aggressivi hanno fatto una grande differenza. Altri fattori come piantare erba tra le file, raccolti tempestivi e rigorosa selezione dell’uva sono stati fondamentali per creare Barolo con tannini più raffinati e nobili.

Gli effetti del cambiamento climatico hanno anche portato a stagioni di crescita più calde e asciutte. Ciò significa che, nella maggior parte degli anni, il Nebbiolo fa raramente fatica a maturare come una volta.

Tutto ciò equivale a Barolo che sono più completi e accessibili in giovane età che mai. Per catturare la combinazione vincente di complessità, freschezza, tensione, frutta e tannini fermi ma raffinati, consiglio di aprirli come regola generale dagli otto ai quindici anni dopo la vendemmia.

© Paolo Tenti | Barolo Giuseppe Rinaldi Brunate Le Coste 2009

Le annate 2001, 2004, 2008 e persino la 2010 sono tutte meravigliosamente godibili in questo momento.

Molti 2004 sono al culmine, mentre le annate 2008 e 2010 hanno ancora anni di potenziale invecchiamento in più. L’annata 2011 mostra buoni risultati, ma la maggior parte non ha un potenziale di invecchiamento a lungo termine. Le annate 2007 e 2009 dovrebbero essere apprezzate presto.

In conclusione, puoi ancora aspettare decenni per goderti le migliori annate, se vuoi, ma sappi solo che non è qualcosa che sei obbligato a fare.

Quanto sopra è una traduzione dell’articolo originale in inglese di  apparso su Wine Enthusiast di Novembre 2019: https://www.winemag.com/2019/11/21/open-aged-barolo/

 

Italian wine reviews (tasted through November 2019)

Italian Editor Kerin O’Keefe reviews Italian wines for Wine Enthusiast since May 2013. Below you will find a recap of the reviews of the month with the score given by Kerin to each wine. You can find all the complete reviews in winemag.com

Qui di seguito trovate in anteprima i punteggi delle recensioni di Kerin.
Le recensioni complete poi saranno facilmente visionabili inserendo il nome del produttore o del vino su winemag.com

Check out my latest reviews: (297 wines) Campania, Valpolicella, Sicilia and more

blind tasting Kerin O'Keefe

Italian wine reviews (tasted through October 2019)

Italian Editor Kerin O’Keefe reviews Italian wines for Wine Enthusiast since May 2013. Below you will find a recap of the reviews of the month with the score given by Kerin to each wine. You can find all the complete reviews in winemag.com

Qui di seguito trovate in anteprima i punteggi delle recensioni di Kerin.
Le recensioni complete poi saranno facilmente visionabili inserendo il nome del produttore o del vino su winemag.com

Check out my latest reviews: (170 wines) Prosecco Superiore, Barolo, Barbaresco and more

blind tasting Kerin O'Keefe