Il momento migliore per bere quel Barolo? Forse proprio adesso!

Uno dei più grandi equivoci sul Barolo è che bisogna aspettare decenni prima che i vini siano pronti da bere.

Sebbene una volta questo consiglio poteva essere vero, non si applica più ai Barolo dei nostri giorni. In sostanza, quelli realizzati a partire dal 2000 circa possono essere apprezzati molto prima, anche dopo otto o dieci anni. Per alcune delle annate più calde, aspettare troppo a lungo potrebbe anche portare ad alcune amare sorprese.

La parte migliore di tutto ciò è che nonostante siano disponibili prima, le migliori annate offrono ancora un grande potenziale di invecchiamento.

© Paolo Tenti | Barolo Cantina Mascarello Cannubi 1964

Allora, cosa è cambiato? Molte cose.

Fino agli anni ’80, la maggior parte del Barolo era prodotta da grandi aziende che si affidavano a una vasta rete di viticoltori. Molti di questi agricoltori erano più interessati alla quantità che alla qualità. Con altre colture che potevano gestire, i coltivatori raccoglievano quando era conveniente, piuttosto che quando l’uva aveva raggiunto la maturità ideale.

Anche la tecnologia della cantina era piuttosto basilare e i tempi di macerazione post-fermentazione potevano allungarsi per mesi.

Il clima è stato un altro fattore importante. Le stagioni di crescita più fresche e umide hanno significato che per ogni decennio c’erano solo due o tre annate buone o grandi. Ciò ha portato in gran parte a Baroli che erano aggressivamente tannici nella loro giovinezza, con dorsali acide che hanno bisogno di anni per integrarsi.

I Barolo moderni sono più completi e accessibili in giovane età che mai.

Oggi, la maggior parte dei coltivatori sono diventati da tempo produttori di Barolo a sé stanti, focalizzati sulla qualità costante. Grandi miglioramenti nell’attrezzatura per la vinificazione e la cantina, che includono fermentazioni a temperatura controllata, presse delicate e legno di quercia per le botti di migliore qualità, sono stati fondamentali.

Ma i cambiamenti più importanti sono avvenuti nei vigneti. La resa ridotta, la riduzione del rame e l’abbandono di prodotti chimici aggressivi hanno fatto una grande differenza. Altri fattori come piantare erba tra le file, raccolti tempestivi e rigorosa selezione dell’uva sono stati fondamentali per creare Barolo con tannini più raffinati e nobili.

Gli effetti del cambiamento climatico hanno anche portato a stagioni di crescita più calde e asciutte. Ciò significa che, nella maggior parte degli anni, il Nebbiolo fa raramente fatica a maturare come una volta.

Tutto ciò equivale a Barolo che sono più completi e accessibili in giovane età che mai. Per catturare la combinazione vincente di complessità, freschezza, tensione, frutta e tannini fermi ma raffinati, consiglio di aprirli come regola generale dagli otto ai quindici anni dopo la vendemmia.

© Paolo Tenti | Barolo Giuseppe Rinaldi Brunate Le Coste 2009

Le annate 2001, 2004, 2008 e persino la 2010 sono tutte meravigliosamente godibili in questo momento.

Molti 2004 sono al culmine, mentre le annate 2008 e 2010 hanno ancora anni di potenziale invecchiamento in più. L’annata 2011 mostra buoni risultati, ma la maggior parte non ha un potenziale di invecchiamento a lungo termine. Le annate 2007 e 2009 dovrebbero essere apprezzate presto.

In conclusione, puoi ancora aspettare decenni per goderti le migliori annate, se vuoi, ma sappi solo che non è qualcosa che sei obbligato a fare.

Quanto sopra è una traduzione dell’articolo originale in inglese di  apparso su Wine Enthusiast di Novembre 2019: https://www.winemag.com/2019/11/21/open-aged-barolo/