Brunello di Montalcino 2016: finezza, longevità e…l’elefante nella stanza

Dopo l’incredibile successo del Barolo 2016 che ha debuttato lo scorso anno, la frenesia intorno ai Brunello 2016 appena usciti è stata quasi assordante. Ho assaggiato 199 delle nuove uscite di Brunello nel mio ufficio tra dicembre e gennaio: le degustazioni hanno rivelato una grandiosità dell’annata ma anche sfide che la denominazione deve affrontare.

[You can find here the original article in English: Brunello 2016 Report: Finesse, Longevity and the Elephant in the Room]

Confronti con altre annate

Quindi l’annata 2016 è stata all’altezza dell’intenso clamore? Nel complesso, sì. I Brunello 2016 sono di gran lunga superiori ai 2015 (qui trovate la mia valutazione dell’annata 2015), quest’ultima il prodotto di un’annata estremamente calda che è stata irregolare e non è stata all’altezza dell’intenso clamore che ha circondato anche questa annata. I 2016 sono persino migliori degli acclamati 2010 e sono in linea con le annate classiche come il 2004 e il 2001.

Tre 100 punti

Ho assegnato 100 punti a tre 2016, la prima volta che ho dato a tre vini della stessa denominazione un punteggio perfetto in una singola annata (di seguito trovate la traduzione in italiano del seguente articolo  The Making of 100-Point Wines: Two Compelling Brunellos From a Superlative Vintage, che descrive 2 dei 3 100 punti in questione). Per la maggior parte, il 2016 è il sogno di un amante del Brunello, che offre una miriade di vini vibranti e strutturati che vantano eleganza, energia e longevità. Se realizzati con mani esperte che hanno curato con attenzione i vigneti invece di affidarsi a pratiche di cantina invasive, aree distinte all’interno della multiforme zona di coltivazione di Montalcino risplendono con assoluta precisione nel 2016. Questa caratteristica si è riflessa anche nel numero sempre crescente di imbottigliamenti di Brunello per vigneto singolo.

Date le condizioni climatiche quasi perfette, la quantità di vini monolitici con livelli alcolici vertiginosi e concentrazione densa mi ha sorpreso poiché di solito sono il risultato di anni molto più caldi e asciutti.

Condizioni climatiche

È sempre una sfida generalizzare le annate a Montalcino. L’altitudine dei vigneti varia da 100 a 660 metri sul livello del mare, le temperature medie estive e le precipitazioni variano in modo significativo da nord a sud (sostengo da molti anni l’utilità della creazione di sottozone per dare agli appassionati una migliore comprensione del vasto territorio di Montalcino).

© Mencacci Stefania | Comune di Montalcino, Relazione Geologica, settembre 2009

Detto questo, il 2016 è stato un grande anno per tutta la denominazione. Gigliola Gianetti, titolare de Le Potazzine, afferma: “È stata un’annata ideale per il Sangiovese. Ha piovuto nei momenti giusti e ha avuto un sole abbondante e temperature calde ma nessun picco di calore durante la stagione di crescita. La pioggia di metà settembre ci ha innervosito ma è seguito da un clima asciutto e ventilato che ha consentito una maturazione uniforme e uve sane alla vendemmia ”.

© Susan Wright| Gigliola Giannetti, owner of Le Potazzine

Le stelle si sono allineate nel 2016 in termini di tempo, a partire da un inverno freddo che ha “disinfettato” le viti e da abbondanti piogge a gennaio e febbraio che hanno reintegrato le riserve idriche, cruciali dopo il torrido 2015. Una primavera fresca e piovosa è stata un ritorno agli anni classici. Con la fioritura a maggio, le piante erano in ottima salute. Luglio e agosto sono stati caldi e secchi, mentre agosto ha registrato notevoli escursioni termiche diurne e notturne. Le piogge di settembre sono state compensate da una buona ventilazione e da forti sbalzi termici diurni e notturni che hanno mantenuto in salute le uve.

Grazie alle condizioni climatiche ottimali, gli amanti del vino troveranno una serie di ottimi Brunello 2016 che combinano ricchezza di frutta, potenza tannica, finezza e freschezza. I migliori sono radiosi, fragranti e pieni di tensione nervosa. Hanno la struttura per invecchiare bene dai venti ai trent’anni almeno.

Sebbene il tempo quasi perfetto non sia mai una garanzia universale di eccellenza in nessuna denominazione, sono rimasto scioccata dal numero di Brunello 2016 che ha raggiunto il 15% di alcol in volume.

L’elefante nella stanza

The Elephant in the room è un’espressione tipica che in inglese usiamo per indicare un problema noto che, per quanto ovvio, viene comunque minimizzato o addirittura ignorato. Dei quasi 200 vini che ho degustato dell’annata, più del 10% ha dichiarato il 15% di alcol e uno il 15,5%. Dato il mezzo punto di flessibilità consentito sulle etichette italiane, queste sono probabilmente più vicine rispettivamente al 15,5% e al 16%. Alcuni di questi Brunello ad alta alcolicità hanno mostrato classe e potenziale di invecchiamento, ma la maggior parte erano goffi e unidimensionali, mostrando frutta cotta e il calore dell’alcol evidente. A differenza delle annate più calde a Montalcino, dove le zone basse del sud soffrono di più, questi 2016 esagerati provenivano da tutta Montalcino e non dipendevano dal luogo, ma dall’esperienza del produttore e da ciò che i coltivatori facevano o non facevano nei vigneti.

Giacomo Bartolommei, wine-maker della tenuta di famiglia Caprili, situata in una delle zone più calde ed aride di Montalcino, spiega come siano tornati all’equilibrio e alla finezza dopo diversi anni passati a produrre Brunello concentrati e ad alto contenuto alcolico. 

© Consorzio Brunello di Montalcino | Giacomo Bartolommei, winemaker at family firm Caprili

“Tra il 2008 e il 2012, i livelli di alcol ci sono sfuggiti. Quindi abbiamo iniziato a concentrarci maggiormente sulla gestione del vigneto per creare equilibrio. Ora defogliamo molto più tardi, solo una settimana prima del raccolto. Diradiamo anche i grappoli più tardi, circa due settimane prima della vendemmia per evitare una sovramaturazione delle uve che si traduce in zuccheri e alcol più elevati ”, afferma Bartolommei. 

Alcuni produttori continuano a defogliare troppo presto, eseguono diradamenti esasperati (su questo argomento ho scritto questo articolo per Wine Enthusiast Bunch thinning – too much of a good thing, qui nella sua traduzione in italiano Diradamento: sicuri che sia una cosa buona?) e lasciano l’uva sulle viti troppo a lungo alla ricerca della perfetta maturazione fenolica. “La maturazione fenolica è importante, ma con il cambiamento climatico, per ottenerla spesso si perdono altri parametri, come l’acidità. Cerchiamo l’equilibrio generale e produciamo vini più eleganti e degni di invecchiamento “, spiega Giacomo.

Se i produttori di Montalcino anni fa avevano difficoltà a raggiungere il 13% di alcol, mantenere i vini sotto il 15% è la sfida attuale. L’enologo consulente Paolo Vagaggini (ho parlato di lui in questo articolo del 2012 per Decanter: Modest Maestros), che lavora con alcune delle migliori tenute di Montalcino, afferma che l’aumento delle temperature non è l’unico colpevole.

© Decanter | Kerin OKeefe’s article in 2012 talking about Paolo Vagaggini

“Più che le alte temperature, l’aumento della luce solare sta provocando una fotosintesi più intensa che a sua volta sta portando ad un maggiore accumulo di zucchero nell’uva”, spiega Vagaggini. Questo contenuto zuccherino più elevato si traduce in livelli alcolici più alti dopo la fermentazione. Un altro fattore di questi Brunello molto alcolici è la maggiore densità di piante nei vigneti di oggi. Molti sono stati piantati appena prima che il cambiamento climatico diventasse una minaccia nota e in un periodo in cui i consumatori prediligevano vini densamente concentrati. “I produttori spesso non si rendono conto che quando piantano un vigneto dovrebbe durare 100 anni”, dice Vagaggini.

Anche in anni come il 2016, la regola d’oro nella scelta del Brunello è che la reputazione e la costanza del produttore sono la migliore garanzia. Questo sarà ancora più importante il prossimo anno, quando i 2017 usciranno da quello che è stato uno degli anni più caldi mai registrati.

Qui trovate la lista che verrà mano a mano popolata delle 199 recensioni dei Brunello di Montalcino 2016 che ho fatto per Wine Enthusiast.

 

Due (dei tre) Brunello di Montalcino 2016 da 100 punti: struttura, eleganza e longevità.

[Here you can find the original article in English, published on March 10 2021 in Wine Enthusiast: The Making of 100-Point Wines: Two Compelling Brunellos From a Superlative Vintage]

Nel complesso, il 2016 è stata un’ottima annata a Montalcino e dovrebbe negli annali del Brunello con altre annate celebri come il 2001 e il 2004. A mio avviso è migliore del 2010. Anche se c’è stato un numero sorprendente di vini dominati dall’eccessiva alcolicità, inaspettata perché l’annata ha avuto condizioni di crescita ideali rispetto alle annate più calde e secche, ci sono molti Brunello 2016 davvero superbi.

Tra dicembre 2020 e gennaio 2021, ho assaggiato 199 Brunello di questa annata appena uscita e avevo grandi aspettative. Sebbene sapessi che i vini nei bicchieri erano giovani Brunello e probabilmente 2016, non avevo idea di chi fossero i produttori. Come tutte le degustazioni di Wine Enthusiast, ho assaggiato i vini alla cieca dopo che la mia assistente Simona ha organizzato sessioni di bottiglie simili coperte da sacchetti di carta numerati. Il primo Brunello che mi ha lasciato completamente sbalordita vantava un profumo intenso, una combinazione di corpo, finezza e pedigree varietale impeccabile. Ho scritto nei miei appunti che era “profumato e radioso” e mostrava “eleganza, struttura e precisione”. Dopo aver terminato la degustazione di quel giorno, ho tolto la protezione da questo splendido vino. Era il Brunello 2016 di Le Chiuse (qui trovate la recensione completa).

Brunello di Montalcino Le Chiuse 2016

Situato sulle pendici settentrionali della collina di Montalcino, questo piccolo gioiello di tenuta ha una stirpe leggendaria. Di proprietà della famiglia Biondi Santi dalla fine del XVIII secolo, le uve più antiche di Le Chiuse sono state a lungo utilizzate per produrre le leggendarie Riserve Biondi Santi. Alla morte di Tancredi Biondi Santi nel 1970, la figlia minore Fiorella ereditò l’azienda agricola, che diede in affitto al fratello Franco fino alla sua morte nel 1986. Franco Biondi Santi continuò a produrre Riserve con le uve di Le Chiuse fino al 1990, anno in cui sua nipote, Simonetta Valiani ha rilevato l’azienda che oggi dirige con il marito Nicolò Magnelli e il figlio Lorenzo.

I vigneti di Le Chiuse si trovano nel cuore della storica zona di coltivazione a nord del centro storico, in una zona nota per la produzione di vini longevi che vantano complessità, intensità ed eleganza. I vigneti sono situati a 300 metri sul livello del mare dove l’altitudine e l’esposizione nord – nordovest garantiscono una maturazione ideale delle uve ed una acidità fresca. I terreni sono di origine marina contenenti scisto friabile noto come galestro, argilla e marna che producono vini ricchi ma aggraziati con fragranza e profondità. Per esaltare le condizioni ideali di coltivazione, Le Chiuse è certificata biologica dal 2005, una

© Paolo Tenti | from left Lorenzo Magnelli, Simonetta Valiani and Nicolò Magnelli

delle prime nella denominazione. La maggior parte dei loro vitigni di Sangiovese derivano dal clone BBS11 selezionato nella tenuta Biondi Santi Greppo e nei vigneti di Le Chiuse negli anni ’70. Lorenzo si occupa della vinificazione. Per produrre un Brunello classico e di terroir, fermenta in acciaio inox e cemento con lieviti indigeni. L’affinamento avviene in botti da 25hl, 90% rovere di Slavonia e 10% Allier. Il 2016 dell’azienda è un classico in divenire, incontaminato e mirato, con decenni di anticipo.

© Paolo Tenti | vertical of Le Chiuse (1997, 1999, 2001, 2004, 2006, 2010, 2012, 2013) plus Biondi Santi Riserva 1955 (made with grapes from Le Chiuse vineyard)

Il giorno dopo, durante la seconda sessione dei miei 20 vini al giorno, ho avuto un altro momento di esaltazione. Intensamente fragrante, il vino mi ha colpito per i suoi aromi di rosa, violetta e frutti di bosco, la sua intensità, concentrazione e sapori sapidi. Nella mia nota di degustazione ho scritto: “Delizioso ed estremamente elegante, questo vino luminoso è per i puristi del Sangiovese e gli appassionati di estrema finezza”. Quando ho finito di degustare, ho scoperto che il vino era Il Marroneto Madonna delle Grazie 2016 (qui trovate la recensione completa).

Come Le Chiuse, anch’essa proviene da vigneti situati a nord di Montalcino. Di proprietà di Alessandro Mori, questa piccola tenuta produce Brunello incontaminato e vibrante che, sebbene giovanilmente austero al momento del rilascio, ha un potenziale di invecchiamento da maratona, come hanno dimostrato diverse degustazioni verticali in cantina fino all’annata 1980. Il padre di Alessandro Mori ha acquistato l’azienda agricola appena fuori porta nord di Montalcino nel 1974 come casa per le vacanze, ma la famiglia ha iniziato anche a produrre Brunello, a partire dalla vendemmia 1980. Alessandro si è innamorato della tenuta. Dopo essere diventato avvocato a Roma, nel 1994 abbandona la giurisprudenza per dedicarsi a tempo pieno all’attività vinicola. Fin dall’inizio, Alessandro ha voluto creare Brunello classici e longevi che vantassero eleganza ed energia. Sembra la strategia giusta oggi, ma questo è stato più o meno il periodo in cui molti produttori locali hanno iniziato a optare per le nuove barriques e hanno iniziato a produrre vini di colore scuro, muscolosi e con sentori di rovere destinati a essere bevuti prima.

Ho recensito positivamente i vini de Il Marroneto dall’inizio degli anni 2000, ma fino a diversi anni fa molti altri critici ignoravano del tutto la tenuta o le davano punteggi meno che estatici. Preferivano potenza e concentrazione ad un Brunello vibrante che vantava austerità giovanile ed estrema eleganza. Alessandro non ha mai esitato e la sua dedizione ha dato i suoi frutti mentre i palati degli amanti del vino hanno virato verso vini guidati dal terroir che vantano freschezza e complessità. Madonna delle Grazie è l’originale vigneto che circonda il casale. Piantato principalmente nel 1974 con successive parcelle piantate nel 1977, 1982 e 1983, l’altitudine del vigneto è di 400 metri sul livello del mare e il suolo sono un misto di sabbia chiara, minerali e fossili marini. Dopo aver scelto solo le uve migliori, Alessandro fermenta con lieviti indigeni in grandi tini di rovere di Allier. Quindi affina i vini per 41 mesi in grandi botti di rovere, sia di Slavonia che francesi.

© Kerin O’Keefe | vertical of 15 Brunello di Montalcino Il Marroneto back to 1980

Il Brunello Madonna delle Grazie 2016  lascia attoniti per la precisione, struttura ed eleganza. Invecchierà per decenni. Nei miei otto anni a Wine Enthusiast, ho assegnato un totale di nove 100 punti al Brunello di Montalcino, tra cui Le Chiuse 2013 (qui trovate la recensione) e Il Marroneto 2015 Madonna delle Grazie (qui trovate la recensione), a dimostrazione che la reputazione del produttore è la migliore garanzia a Montalcino. Dopo aver già esaminato la maggior parte dei Brunello 2016, ho ricevuto un altro lotto di imbottigliatori tardivi. Tutto quello che posso dire a questo punto è che è una tripletta di 100 punti per l’annata di Montalcino.

Rimanete sintonizzati!