Olivio Cavallotto 1930-2021: pioniere del Barolo e della viticoltura biologica

Immagina di avere 18 anni nelle povere colline del Barolo subito dopo la fine della seconda guerra mondiale e di trovarti all’improvviso a capo dell’azienda vinicola di famiglia, unica fonte di reddito per te e la tua famiglia in quel periodo incredibilmente tumultuoso.

(you can read here the english version of this article)

Questa è esattamente la situazione in cui si è trovato Olivio Cavallotto, scomparso ieri sera all’età di 90 anni dopo aver combattuto contro il Covid-19, dopo la morte prematura del padre nel 1948. Ma Olivio e suo fratello minore, il compianto Gildo, sono cresciuti velocemente ed aiutavano da tempo il padre nei vigneti e in cantina. Anche se la guerra è stata devastante, ha inavvertitamente stabilito un nuovo corso per l’azienda di famiglia.

Prima della seconda guerra mondiale, Cavallotto, come quasi tutti i viticoltori locali, vendeva le sue uve ai grandi “negozianti” di Alba, in questo caso Bonardi, una volta famosa azienda di Barolo. “Ma tra il 1944 e il 1945 le strade e i ponti delle Langhe furono distrutti e non potemmo portare l’uva ad Alba. Quindi, anziché perdere tutta l’uva, nel 1946 abbiamo fatto il vino noi stessi e fatto invecchiare nelle nostre cantine. Negli anni del dopoguerra le nostre cantine erano piene di vino ma gli intermediari e gli acquirenti non lo volevano perché non c’era richiesta. Così abbiamo venduto tutto direttamente, in damigiane a ristoranti e trattorie locali ”, mi ha detto Olivio durante un’intervista nel 2009 durante una delle mie tante visite alla tenuta.

Fortificati da questa esperienza, dopo la morte improvvisa del padre, il diciottenne Olivio e il diciassettenne Gildo iniziarono a produrre, imbottigliare ed etichettare i loro vini e venderli a quella che era diventata una clientela affezionata. Sono passati decenni prima che altri coltivatori locali diventassero produttori.

Alto, magro, con modi Old School e un sorriso radioso, Olivio è stato un pioniere del Barolo e un vero Barolista ma ha preferito restare fuori dai riflettori. Oltre a diventare uno dei primissimi viticoltori-produttori del Barolo, a metà degli anni ’70 collabora, insieme a Gildo, con diverse università e con il Prof. Lorenzo Corino, direttore dell’Istituto Sperimentale di Agricoltura di Asti. Nel 1975 il Cavallotto diventa la prima tenuta della zona a piantare erba tra i propri filari e un anno dopo i fratelli introducono insetti predatori che hanno permesso loro di cessare del tutto l’uso di insetticidi. Queste alternative organiche agli erbicidi chimici e agli insetticidi che i coltivatori di tutto il mondo stavano felicemente spruzzando nei loro vigneti hanno fatto sollevare le sopracciglia a molti a Barolo quasi quattro decenni fa. Altri coltivatori locali pensavano che fossero pazzi, ma a loro non importava perché hanno migliorato rapidamente la qualità delle loro uve e dei loro vini.

© Paolo Tenti | Cavallotto 2001 Bricco Boschis San Giuseppe and picture of Cavallotto for my cover story in The Wine News Oct/Nov 2008

Cavallotto è stato anche uno dei primi a rilasciare un Barolo specifico per vigneto, il Barolo Bricco Boschis del 1967, che prende il nome dalla zona collinare soleggiata dei vigneti che circonda la cantina. Seguirono pochi anni dopo Riserve monovitigno provenienti da vigneti specifici più piccoli all’interno del Bricco Boschis, il più famoso dei quali è Riserva Bricco Boschis Vigna San Giuseppe prodotto con le uve più vecchie del vigneto San Giuseppe che viene prodotto ancora oggi. Producono anche Riserva Vignolo dal loro vigneto nel piccolo cru Vignolo.

I vini di Cavallotto possiedono sempre una combinazione invidiabile di fragranza, struttura, finezza e complessità e sono straordinariamente resistenti all’invecchiamento.

Oggi Cavallotto è gestito dai figli dell’Olivio: Laura, che si occupa della parte amministrativa dell’azienda insieme a Giuseppe e Alfio, entrambi enologi. Mentre Olivio ha rallentato negli ultimi anni, era felice di passeggiare per la tenuta ogni giorno con la sua amata moglie Anna Maria e salutare i frequentatori assidui della tenuta, molti dei quali sono diventati amici nel corso degli anni.

Mi sento fortunata di aver conosciuto Olivio e mi mancherà. Il mio cuore va alla sua famiglia in questo momento difficile.

© Paolo Tenti | Bricco Boschis vineyard in 2019

Olivio Cavallotto 1930-2021: Pioneer in single-vineyard Barolo and organic viticulture

Imagine being 18 years old in the poverty-stricken Barolo hills post-World War II, and suddenly finding yourself in charge of the family winery, the only source of income for you and your family in that incredibly tumultuous period?

(trova qui l’articolo in italiano)

That’s exactly the situation Olivio Cavallotto, who passed away last night at the age of 90 after battling Covid-19, found himself in after his father’s premature death in 1948. But Olivio and his younger brother, the late Gildo, grew up fast and had long been helping their father in the vineyards and in the winery. Even though the war was devastating, it inadvertently set a new course for the family firm.

Before WWII, Cavallotto, like almost all the local growers, sold its grapes to the large wine makers in Alba, in this case Bonardi, once a famous Barolo firm. “But between 1944 and 1945, the Langhe’s roads and bridges were destroyed and we couldn’t get the grapes to Alba. So rather than lose all the grapes, in 1946 we made the wine ourselves and aged it in our cellars. In the years after the war, our cellars were full of wine but the brokers and buyers didn’t want it because there was no demand. So we sold it all directly, in demi-johns to local restaurants and trattorie,” Olivio told me during an interview in 2009 on one of my many trips to the estate.

Fortified by this experience, after their father suddenly passed away, 18-year-old Olivio and 17-year-old Gildo began producing, bottling and labeling their wines and selling them to what had become a loyal clientele. This was decades before other local growers became producers.

© Paolo Tenti | Bricco Boschis vineyard in 2019

Tall, thin, with Old School manners and a radiant smile, Olivio was a pioneer in Barolo and a true Barolista but preferred to stay out of the spotlight. Besides becoming one of the very first grower-producers in Barolo, in the mid-1970s he and Gildo collaborated with several universities and with Prof. Lorenzo Corino, director Asti’s Experimental Institute of Agriculture. In 1975 Cavallotto became the first estate in the growing zone to plant grass between their rows of vines and a year later, the brothers introduced predatory insects that allowed them to cease using insecticides altogether. These organic alternatives to the chemical herbicides and insecticides that growers the world over were happily spraying in their vineyards did more than raise eyebrows in Barolo nearly four decades ago. Other local growers thought they were crazy, but they didn’t care because they quickly improved the quality of their grapes and wines.

© Paolo Tenti | Cavallotto 2001 Bricco Boschis San Giuseppe and picture of Cavallotto for my cover story in Wine News Oct/Nov 2008

Cavallotto was also one of the first to release a vineyard specific Barolo, their 1967 Barolo Bricco Boschis, named after the sun-bathed, hillside vineyard area surrounding the winery in Castiglione Falletto. This was followed a few years later by single-vineyard Riservas from smaller specific vineyards inside Bricco Boschis, the most famous being Riserva Bricco Boschis Vigna San Giuseppe made with the oldest grapes from the San Giuseppe vineyard that is still made today. They also make Riserva Vignolo from their vineyard in the small Vignolo cru nearby.

Cavallotto’s wines always possess an enviable combination of fragrance, structure, finesse and complexity and are remarkably ageworthy.

Today Cavallotto is run by Olivio’s children: Laura, who takes care of the administrative side of the firm and Giuseppe and Alfio, both trained enologists. While Olivio slowed down the last few years, he was happy to walk around the estate everyday with his beloved wife Anna Maria and say hello to the estate’s frequent visitors, many of whom became friends over the years.

I feel fortunate to have known Olivio and will miss him. My heart goes out to his family in this difficult time.