Italian wine reviews (tasted through January 2018)

Check out my latest reviews: (487 wines): Brunello di Montalcino, Barolo and more

blind tasting Kerin O'Keefe

Top 10 of the Month (excluding Brunello di Montalcino)

2013 Brunello di Montalcino: 30 Top-Rated Wines

 

Togerther with the 2013 Brunellos 2012 Riservas also came out, of which a good number were oustanding, particularly two of them to which I awarded a perfect 100 points score.

2012 Brunello di Montalcino Riserva Top-Rated Wines: 10 Top-Rated Wines

Plus a fabulous 2011  Riserva:

Here you find all my 272 reviews  (180 Brunello di Montalcino 2013, 88 Riserva 2012 and 4 Riserva 2011)

Brunello di Montalcino 2013: un’annata classica e splendente, da mettere in cantina

Se volete sperimentare l’energia, l’eleganza e la struttura che per secoli ha attratto appassionati e collezionisti al vino di Montalcino, il Brunello 2013 è la vostra annata.

Olmo vineyard at Gianni Brunelli winery
© Paolo Tenti | Olmo vineyard at Gianni Brunelli winery

Si tratta di un’annata classica: i migliori 2013 hanno un notevole potenziale di invecchiamento, come non ho visto da anni. Ho assaggiato 181 dei Brunello appena usciti e ho dato a 112 vini 90 punti o più, con ben 21 che hanno ricevuto 95 punti o più, compreso un punteggio perfetto di 100. I vini migliori sono sorprendenti, con una radiosità che è mancata in molti dei Brunelli più muscolosi, più accessibili e più alcolici a cui ci siamo abituati nelle ultime annate. Il 2013 richiederà pazienza per raggiungere il suo massimo potenziale.

A differenza di anni estremamente caldi e secchi che sono diventati la norma a Montalcino dalla metà degli anni ’90 (ad eccezione di alcune annate, come 1998, 2002 e 2005), il 2013 è stato un tuffo nel passato: un anno fresco, con abbondanti piogge in primavera e la prima parte dell’estate. La gestione dei vigneti per mantenere l’uva priva di malattie si è dimostrata fondamentale. L’annata è stata praticamente decisa a settembre e nella prima metà di ottobre: mentre le temperature più fredde hanno prevalso, le uve hanno beneficiato di ampi raggi di sole e di condizioni ariose.

Il 2013 si è rivelata una stagione incredibilmente lunga e in crescita. I vitucultori che sono arrivati a settembre con uve sane – e fortunatamente ce ne sono stati molti – hanno potuto godere del clima mite e soleggiato, e hanno prodotto vini fragranti di medio corpo, carichi di finezza. I migliori sono impeccabilmente equilibrati, con acidità vibrante e tannini fermi ma nobili. Nel complesso, anche i livelli di alcol nel 2013 hanno mostrato un ritorno al passato, con molti vini che dichiarano 13,5% e  14% sulle etichette, in netto contrasto con il 14,5% e il 15% che sono diventati sempre più comuni dall’inizio degli anni 2000.

“Il 2013 è un’annata classica in tutti i sensi, e ha prodotto vini con intensità, eleganza e tannini solidi ma ben integrati. A differenza di altre annate più fredde nella memoria recente, come nel 2005 e nel 2008 che hanno avuto più pioggia, specialmente verso la fine della stagione di crescita, nel 2013 il clima soleggiato di settembre e la prima parte di ottobre hanno spinto in avanti in modo significativo la vendemmia. Abbiamo iniziato a raccogliere il nostro Sangiovese per il Brunello il 18 ottobre, circa venti giorni dopo il solito. Una vendemmia con questo ritardo non è accaduta dagli anni ’80 “, afferma Lorenzo Magnelli, co-proprietario della tenuta di famiglia Le Chiuse. Situata poco a nord di Montalcino, la piccola tenuta ha un’impressionante carta d’identità: era solita fornire le uve per le pregiate Riserve di Biondi Santi prima che Simonetta Valiani, ereditasse la proprietà da sua madre, la figlia al leggendario Tancredi Biondi Santi. Lorenzo, suo padre e sua madre hanno iniziato a produrre e imbottigliare i propri vini nei primi anni ’90. Lo spendido 2013 dell’azienda è incredibilmente raffinato.

Baricci's Montosoli vineyard
© Paolo Tenti | Baricci’s Montosoli vineyard

Anche Francesco Buffi, che gestisce la piccola azienda Baricci insieme al fratello Federico e ai suoi genitori, è entusiasta della vendemmia 2013: “È un Brunello da manuale, il tipo di annata che salutiamo a braccia aperte qui a Baricci.” Fondata dal nonno di Francesco Nello nel 1955, la piccola tenuta si trova sulla collina di Montosoli, uno dei vigneti più famosi di Montalcino. “Rispetto alle annate più calde, il 2013 mostra un altro aspetto del Sangiovese che è tutto merito di finezza, freschezza e vitalità, caratteristiche che ora vediamo sempre meno a causa dei cambiamenti climatici.” Sottolinea che l’annata è stata tutt’altro che facile. “Il 2013 è stato impegnativo e ha messo alla prova i nostri nervi, soprattutto quando il tempo incerto rappresentava una minaccia verso la fine di settembre. Ma quelli che non si sono fatti prendere dal panico e hanno aspettato fino alla prima settimana di ottobre sono stati premiati “, spiega Buffi.

Nel complesso l’annata è superba, ma ci sono stati alcuni Brunello al di sotto delle aspettative. Mentre alcuni viticultori evidentemente raccoglievano prima che le uve fossero completamente mature e producevano vini magri che mostravano aromi ancora acerbi, altri apparentemente lasciavano le uve sulla vite troppo a lungo e producevano vini con sensazioni di frutta cotta e con alcol evidente. Sebbene ce ne fossero meno che negli anni precedenti, ero più che sorpresa di vedere un numero di vini con 15% di alcol; oltretutto nel 2013 l’alcol era più spesso evidente rispetto agli altri anni.

Date le estreme differenze tra le varie sottozone e le notevoli diversità di altitudine delle vigne, è quasi impossibile giudicare le annate per l’intera denominazione. L’esperienza e gli stili di vinificazione dei produttori, insieme alla localizzazione dei loro vigneti, giocano un ruolo sempre più importante in ogni nuova annata, in modo particolare a Montalcino rispetto ad altre zone di produzione più uniformi.

L’originale dell’articolo in inglese compare qui: https://www.winemag.com/2018/02/14/2013-brunello-vintage-wines/

 

Qui trovate tutte le mie 273 recensioni (181 Brunello di Montalcino 2013, 88 Riserva 2012 e 4 Riserva 2011)

 

2013 Brunello di Montalcino: 30 Top-Rated Wines

 

Insieme all’uscita dei Brunello 2013 ci sono anche le Riserve 2012, di cui un buon numero ha raggiunto livelli altissimi, in particolare due a cui ho assegnato una valutazione perfetta di 100 punti.

2012 Brunello di Montalcino Riserva Top-Rated Wines: 10 Top-Rated Wines

E infine una favolosa Riserva 2011:

 

 

2013: Radiant, cool climate Brunellos for the cellar

If you want to experience the energy, elegance and age-worthy structure that first drew wine lovers and collectors to Brunello di Montalcino decades ago, then 2013 is your vintage.

Olmo vineyard at Gianni Brunelli winery
© Paolo Tenti | Olmo vineyard at Gianni Brunelli winery

A classic vintage, the best 2013s boast remarkable aging potential, the likes of which I haven’t seen in years. I tasted 181 of the just-released Brunellos, and rated 112 wines 90 points or higher, with 21 receiving 95 points or more, including one perfect score of 100. The top wines are stunning, with a radiance that has been missing in many of the muscular, more approachable and higher alcohol Brunellos that we’ve become accustomed to from recent vintages. The 2013s will require patience to reach their maximum potential.

Unlike the extremely warm, dry years that have become the norm in Montalcino since the mid-1990s, (with a few exceptions, like 2002, 2005 and 1998 for example) 2013 was a blast from the past: a cool year, with abundant rainfall in spring and the first part of the summer. Vineyard management to keep grapes free of disease proved critical. The vintage was pretty much decided in September and the first half of October: while cooler temperatures prevailed, grapes benefitted from ample sunshine and breezy conditions.

2013 proved to be an incredibly long, slow growing season. Growers who made it to September with healthy grapes – and thankfully many did – were able to enjoy the mild, sunny weather, and produced fragrant, medium-bodied wines loaded with finesse. The best are impeccably balanced, with vibrant acidity and firm but noble tannins. Overall, alcohol levels in the 2013s also ring of the past, with many wines declaring 13.5% and 14% abv on labels, a stark contrast to 14.5% and 15% that have become increasingly common every year since the start of the 2000s.

“2013 is a classic vintage in every sense, and produced wines with intensity, elegance, energy and firm but well-integrated tannins. Unlike other cooler vintages in recent memory, like 2005 and 2008 that had more rain, especially toward the end of the growing season, in 2013, sunny weather in September and the first part of October significantly pushed back the harvest. We started picking our Sangiovese for Brunello on October 18, about twenty days later than usual. Picking this late hasn’t happened since the 1980s,” says Lorenzo Magnelli, winemaker at his family’s Le Chiuse estate. Located just north of Montalcino, the small estate has an impressive pedigree: it used to supply grapes for Biondi Santi’s lauded Riservas before Lorenzo, his father and his mother, Simonetta Valiani – who inherited the property from her mother, daughter to the legendary Tancredi Biondi Santi – began making and bottling their own wines in the early 1990s. The firm’s radiant 2013 is breathtakingly gorgeous.

Francesco Buffi, who runs the boutique Baricci winery along with his brother Federico and his parents, is also enthusiastic about the 2013 vintage, saying, “It’s a textbook Brunello, the kind of vintage we greet with open arms here at Baricci.” Founded by Francesco’s grandfather Nello Baricci in 1955, the tiny estate is located on the Montosoli hill, one of the most famous vineyard sites in Montalcino. “When compared to warmer vintages, 2013 shows another side of Sangiovese that’s all about finesse, freshness and vibrancy, characteristics that we now see less and less of due to climate change.” He points out that the vintage was far from easy. “2013 was challenging and tested our nerves, especially when unsettled weather threatened toward the end of September. But those who didn’t panic and waited until the first week of October were rewarded,” explains Buffi.

While overall the vintage is superb, there were some underperformers. While some growers evidently harvested before the grapes were fully ripened and made lean wines showing raw fruit, others apparently left the grapes on the vine for too long, and produced wines with sensations of stewed fruit and evident alcohol. Although there were less than in previous years, I was more than a little surprised to see a number of wines with 15% abv, and in 2013s, the alcohol was more often evident when compared to other years.

Given the wildly varied growing zone and sharply different vineyard altitudes in Montalcino, it’s almost impossible to judge vintages for the entire denomination. The experience and winemaking styles of producers, and where their vineyards are located, will always play a major role in every vintage, more so in Montalcino than in more uniform growing areas.

2013 Brunello di Montalcino: 30 Top-Rated Wines by Kerin O’Keefe

Together with the 2013 Brunellos 2012 Riservas also came out, of which a good number were oustanding, particularly two of them to which I awarded a perfect 100 points score.

2012 Brunello di Montalcino Riserva Top-Rated Wines: 10 Top-Rated Wines by Kerin O’Keefe

Plus a fabulous 2011 Brunello di Montalcino Riserva:

Here you find all my 273 reviews  (181 Brunello di Montalcino 2013, 88 Riserva 2012 and 4 Riserva 2011)

Click here to read the article and to discover my top 10 2013 Brunellos and top 5 2012 Brunello Riservas (including 3 100 points among the two vintages): https://www.winemag.com/2018/02/14/2013-brunello-vintage-wines/

Brunello’s Moment of Truth

While the notion of terroir has been both celebrated and ridiculed in some of the world’s greatest wine-producing areas, one of Italy’s most illustrious denominations has instead chosen to ignore it—until now.  Kerin O’Keefe discovers Montalcino’s unofficial subzones.

Majestic. Elegant. Powerful. Long-lived. Expensive. Rare. All these adjectives have been applied to Brunello di Montalcino by the world’s leading wine authorities, from Cyril Ray to Burton Anderson, but may soon be supplemented by another much less positive—overflowing. Due to massive overplanting, Brunello production is now on the brink of exploding, which has pushed the long-neglected question of Brunello’s tipicità to the forefront, as Montalcino winemakers search for ways to protect Brunello’s identity and prestige from the perils posed by a saturated market. As areas previously considered unsuitable for winemaking are cultivated, many producers feel the time has come to recognize officially Montalcino’s greatly varied subzones and to curb vinification techniques that render a more international style.

Read the article:  “Brunello’s Moment of Truth” (PDF). The World of Fine Wine (2006, 11): 74–80.